Leadership: il decalogo di Julio Velasco

15 febbraio 2016 Leadership e Management

torna agli altri articoli

Condividilo su...


 

Dell’intensissimo corso di Julio Velasco sulla Leadership, tenutosi a Bologna, il 13 febbraio scorso, abbiamo voluto sottolineare 10 punti, che vi riproponiamo per la vostra crescita professionale:

  1. L’allenatore non fa, convince a fare (per allenare uccidi il giocatore che è in te)    

Julio Velasco ha spiegato le difficoltà che hanno molti ex giocatori, sopratutto campioni, a calarsi in un nuovo ruolo, quello di allenatore. Questo è spiegato dal fatto che loro erano abituati a decidere le partite da soli. E quindi fanno fatica a convincere a fare, sono ancora tentati dall’idea di poter risolvere piuttosto che delegare. Questo vale anche per gli imprenditori, sebbene loro debbano fare e gestire insieme. Ma chi non cade nella tentazione di dire “Faccio prima a fare che a spiegartelo?“. Ecco perché per “allenare” (non solo nello sport), devi uccidere il giocatore che è in te.

      2. Nell’errore bisogna cercare il motivo, non il colpevole    

Facile parlare di colpe e scaricarle. Molto più difficile andare a fondo sui motivi, e sulle soluzioni.

      3. La squadra si costruisce cominciando a stabilire i ruoli

Se tutti i difensori pensassero di poter risolvere le partite da soli, magari lo farebbero, in una circostanza. In quella successiva però potrebbe succedere di prendere un contropiede, di restare scoperti e di subire un gol. Se non si rispettano i ruoli gli schemi saltano. Velasco ha fatto anche l’esempio opposto. Cosa succede se un difensore che non rispetta una consegna segna un gol? Penserà di poter decidere le partite e se ne vanterà. A gli attaccanti verrà detto che loro non fanno il mestiere per cui sono pagati. E questi saranno i primi a godere di un eventuale gol subito per colpa dello stesso difensore. Siamo essere umani. Questo vale anche in azienda.

     4. Festeggiare anche gli errori nei tentativi, come con i bambini

Quando un bambino prova a dire una nuova parola e non ci riesce, viene festeggiato. Quando prova ad andare sul triciclo e cade, viene festeggiato. Perché ci sta provando. Perché ci sta mettendo tutto se stesso. Lo stesso deve avvenire all’interno delle aziende. Festeggiate ogni piccolo progresso.

Leadership: il decalogo di Julio Velasco

       5. Sì, sì… però è No

Se non c’è convinzione in una risposta, non ci sarà nell’attuarla.

      6. Dite più spesso “bravo”. Ditelo anche ai bravi. Gli uomini hanno bisogno di     riconoscimento. Alle donne moltiplicate per quattro

I complimenti aiutano a rendere di più. Sentirsi dire “bravo” dal proprio leader è il modo migliore per continuare a crescere.

     7. Ogni tanto ci vuole qualcuno che ci spinge in piscina. E ci constringe a nuotare

Il bravo leader ti porta oltre. Ti spinge a rischiare e a provare cose che non hai mai provato prima. Ti spinge anche in piscina se necessario, perché è consapevole che tu potrai dare il meglio e imparare a nuotare. Se siete leader, il vostro compito è quello di capire quale dei vostri collaboratori riuscirà a nuotare anche in una piscina con i coccodrilli dentro. E diventerà il migliore. Bellissima la storia di Zorzi, raccontata proprio dallo stesso Velasco…

Leadership: il decalogo di Julio Velasco

       8. Chiedete più volte “perché” ai vostri collaboratori. Spesso abbiamo dei conflitti e non abbiamo chiesto perché

Capita che un vostro collaboratore abbia paura di fare qualcosa. Dietro le scelte si celano sempre delle motivazioni più o meno profonde. Andate a fondo: chiedete sempre perché. È il modo migliore per conoscerli, ed ottenere sempre di più da loro.

     9. Non si può avere il posto fisso alle Poste e fare la vita spericolata alla Vasco Rossi

Se vuoi rischiare e vuoi inseguire un sogno, ti devi dedicare a questo sogno. Velasco cita come esempio i suoi primi anni da allenatore: per allenare a Jesi ha mollato tutti, accettando un contratto al minimo sindacale. Se avesse continuato ad allenare a tempo perso non sarebbe diventato il miglior allenatore del mondo e forse non avrebbe avuto nessuna soddisfazione nemmeno dal suo vecchio lavoro. Così è per gli imprenditori, i liberi professionisti, i dipendenti. Al centro di tutto c’è il focus: scegliere una strada, dedicarsi a quella, monitorarne i risultati.

     10. Chi vince festeggia, chi perde spiega

È una delle frasi più famose di Julio Velasco. C’è bisogno di aggiungere altro?

Non perderti i prossimi appuntamenti di Performance Strategies con la leadership! Sei curioso di sapere con chi? Clicca qui per vedere il programma!

Vuoi ricevere gratuitamente i nostri contenuti comodamente nella tua email?

Rimani aggiornato con i nostri prossimi corsi in programma!

Principles Of Persuasion Workshop Problem Solving Strategico Giorgio Nardone Principles Of Persuasion Workshop Apprendimento Rapido - Tony Buzan Forum delle Eccellenze Digital Business Strategy - Robin Good

Ti è piaciuto il post? Lasciaci un commento qui sotto!

Condividi questo articolo su:

barra

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Fondamentalmente i lavoratori si dividono in 2 categorie: le persone che amano il proprio lavoro e che vi sono estremamente dedite e quelle che invece lavorano per vivere e non hanno un interesse profondo per l’attività che svolgono.

Datti un obiettivo: entro tre giorni ricontatta tutti quelli che hai incontrato nel corso della conferenza, collegati con loro tramite LinkedIn, siediti e scrivi a penna un rapido biglietto di ringraziamento con il tuo biglietto da visita dentro – vecchia scuola, ma molto personale e molto efficace. Fai un ulteriore passo avanti, scrivendo nel tuo blog o tweettando quello che hai imparato durante la conferenza e da chi lo hai imparato; e connettiti con i relatori che ti sono piaciuti di più, comunicando loro su quali loro spunti ed idee ti focalizzerai. Le chance sono molte, molte delle persone con cui hai parlato diventeranno amici e forse in seguito anche preziosi contatti nella tua carriera!

Copyright © 2016 Performance Strategies